CCXXVIII (Senza titolo)

Quand’i’ udì’ quel buon risposto fino Che·lla gentil rispuose, m’inviai Ed a balestriera m’adrizzai, Ché quel sì era il mi’ dritto camino; E sì v’andai come buon pellegrino, Ch’un bordon noderuto v’aportai, E la scarsella non dimenticai, La qual v’apiccò buon mastro divino. Tutto mi’ arnese, tal chent’i’ portava, Se di condurl’al port’ò in mia […]

CCXXVII (Senza titolo)

“Figliuola mia, per Dio e per merzede, Aggie pietà di quel leal amante, Che per te à soferte pene tante Che dir no’l ti poria, in buona fede. In nessun altro idio che·tte non crede, E tuttora a·cciò è stato fermo e stante: Figliuola mia, or gli fa tal sembiante Ch’e’ sia certano di ciò […]

CCXXVI (Senza titolo)

Quando ‘l castello fu così imbrasciato E che·lle guardie fur fuggite via, Alor sì v’entrò entro Cortesia Per la figliuola trar di quello stato; E Franchezz’e Pietà da l’altro lato Sì andaron co·llei in compagnia. Cortesia sì·lle disse: “Figlia mia, Molt’ò avuto di te il cuor crucciato, Ché stata se’ gran tempo impregionata. La Gelosia […]

CCXXV (Senza titolo)

Venùs allora già più non atende, Però ched ella sì vuol ben mostrare A ciaschedun ciò ched ella sa fare: Imantenente l’arco su’ sì tende, E poi prende il brandone e sì l’accende; Sì no·lle parve pena lo scoccare, E per la balestriera il fe’ volare, Sì che ‘l castel ma’ più non si difende. […]

CCXXIV (Senza titolo)

Troppo avea quell’imagine ‘l visaggio Tagliato di tranobile fazzone: Molto pensai d’andarvi a processione E di fornirvi mie pelligrinaggio; E sì no·mi saria paruto oltraggio Di starvi un dì davanti ginocchione, E poi di notte esservi su boccone, E di donarne ancor ben gran logaggio. Ched i’ era certan, sed i’ toccasse L’erlique che di […]

CCXXIII (Senza titolo)

Venusso la sua roba à socorciata, Crucciosa per sembianti molto e fiera; Verso ‘l castel tenne sua caminiera, E ivi sì s’è un poco riposata; E riposando sì ebbe avisata, Come cole’ ch’era sottil archiera, Tra due pilastri una balestriera, La qual Natura v’avea compassata. In su’ pilastri una image avea asisa; D’argento fin sembiava, […]

CCXXI (Senza titolo)

Quando Venùs intese che Vergogna Parlò sì arditamente contr’a·llei, Sì gli à giurato per tutti gli dèi Ch’ella le farà ancor gran vergogna; E poi villanamente la rampogna, Dicendo: “Garza, poco pregerei Il mi’ brandon, sed i’ te non potrei Farti ricoverare in una fogna. Già tanto non se’ figlia di Ragione, Che sempre co’ […]

CCXX (Senza titolo)

Venusso, che d’assalire era presta, Sì comanda a ciascun ched e’ s’arenda O che la mercé ciascheduno atenda, Ch’ella la guarda lor tratutta presta. E sì lor à giurato, per sua testa, Ched e’ non fia nessun che si difenda, Ch’ella de la persona no·gli afenda: E così ciaschedun sì amonesta. Vergogna sì respuose: “I’ […]

CCXIX (Senza titolo)

“Figliuol mi’, tu farai un saramento, E io d’altra parte sì ‘l faròe, Che castitate i’ ma’ non lascieròe In femina che aggia intendimento, Né tu in non che·tti si’ a piacimento. Ed i’ te dico ben ch’i’ lavorròe Col mi’ brandone: sì gli scalderòe Che ciaschedun verrà a comandamento”. Per far le saramenta sì […]

CCXVIII (Senza titolo)

Di gran vantaggio fu ‘l carro prestato. Venusso ben matin v’è su salita, E sì sacciate ch’ell’era guernita E d’arco e di brandon ben impennato; E seco porta fuoco temperato. Così da Ciceron sì s’è partita, E dritta all’oste del figliuol n’è ita Con suo’ colombi che ‘l carr’àn tirato. Lo Dio d’Amor sì avea […]