CLXXXVIII La Vecchia

“Se l’uon può tanto far ched ella vada Al su’albergo la notte a dormire, Sì dé alla femina ben sovenire Ched ella il faccia star un poco a bada. E que’, che guarderà tuttor la strada, Certana sie ch’e’ li parrà morire Insin ched e’ no·lla vedrà venire: Ché·ll’amor ch’uom’atarda, vie più agrada. E quand’ella […]

CLXXXVII La Vecchia

“Quand’a quel lavorio messi saranno, Ben saggiamente deggian operare, E l’un atender e l’altro studiare, Secondo ch’egli allor si sentiranno; Né sì non dé parer lor già affanno Di voler ben a modo mantacare, Ch’amendue insieme deggian afinare Lor dilettanza; e dimorasse un anno! E se·lla donna non v’à disianza, Sì ‘nfinga in tutte guise […]

CLXXXVI La Vecchia

“Ne·letto su’ si metta in braccio in braccio Co·llui insiem’e faccian lor diporto; Ma dica tuttor: “Lassa, crudel torto E` questo che ‘nverso il mi’ sire faccio”. E nella gioia ch’à, gli metta impaccio, Sì ch’egli abbia paura e disconforto: Dicer li dee ch’e’ sarebbe morto, Sanz’averne rispetto, molt’avaccio, Se·ll’uon sapesse ch’e’ fosse co·llei: “Ed […]

CLXXXV La Vecchia

“S’avessi messo termine a un’ora A due, ch’avresti fatto gran follia, E l’un conteco in camera sia, E l’altro viene apresso san’ dimora, Al di dietro dirai ch’egli è ancora El signor tuo lassù; ch’e’ non poria Far dimoranza, ma tost’una fia: “Il fante o voi, tornate a poca d’ora”. E poi sì ‘l butti […]

L’Inferno di Dante secondo Corrado d’Elia

Debutta dall’11 al 23 giugno presso la Sala Cavallerizza del Teatro Litta dello spettacolo Dante, Inferno, nell’interpretazione appassionata di Corrado d’Elia. Ci accostiamo alla Commedia di Dante con la consapevolezza che non si tratti di un viaggio immaginario, ma del viaggio della nostra stessa vita. Il nostro stesso viaggio. Un autentico cammino dentro di noi. […]

CCXXXII (Senza titolo)

Malgrado di Ricchezza la spietata, Ch’unquanche di pietà non seppe usare, Che del camin ch’à nome Troppo-Dare Le piacque di vietarmene l’entrata! Ancor di Gelosia, ch’è·ssì spietata Che dagli amanti vuole il fior guardare! Ma pure ‘l mio non sepp’ella murare, Ched i’ non vi trovasse alcuna entrata; Ond’io le tolsi il fior ch’ella guardava: […]

CCXXXI (Senza titolo)

Quand’i’ mi vidi in così alto grado, Tutti i mie’ benfattori ringraziai, E più gli amo oggi ch’i’ non feci mai, Che molto si penâr di far mi’ grado. Al Die d’Amor ed a la madre i’ bado, E a’ baron’ de l’oste chiamo assai D’esser loro fedele a sempremai E di servirgli e non […]

Dante e Sapia

Come ben sanno tutti gli stimatori del divin poeta, Sapia è la protagonista del canto XIII del purgatorio, a lei è dedicata una mostra a Colle Val D’Elsa, fino al 28 ottobre 2018. Dettagli disponibili a questo link.

CCXXX (Senza titolo)

Pe·più volte fallì’ a·llui ficcare, Perciò che ‘n nulla guisa vi capea; E·lla scarsella ch’al bordon pendea, Tuttor di sotto la facea urtare, Credendo il bordon me’ far entrare; Ma già nessuna cosa mi valea. Ma a la fine i’ pur tanto scotea Ched i’ pur lo facea oltre passare: Sì ch’io allora il fior […]

CCXXIX (Senza titolo)

Tant’andai giorno e notte caminando, Col mi’ bordon che non era ferrato, Che ‘ntra’ duo be’ pilastri fu’ arivato: Molto s’andò il mi’ cuor riconfortando. Dritt’a l’erlique venni apressimando, E·mantenente mi fu’ inginocchiato Per adorar quel bel corpo beato; Po’ venni la coverta solevando. E poi provai sed i’ potea il bordone, In quella balestriera […]