CCV L’Amante

Allor Bellacoglienza fu fermata Da questi tre portier’ sotto tre porte, E con una catena molto forte Quella gentil ebbero ‘ncatenata. Po’ corser sopra me, quella brigata, E disson: “Sopra te cadran le sorte”. Allor credetti ben ricever morte, Tanto facean di me gran malmenata: Sì ch’i’ misericordia domandai A Paura, a Vergogna e a […]

CCIV Vergogna e Paura

Po’ sentì ‘l fatto Vergogna e Paura, Quand’ell’udiron quel villan gridare, Ciascuna sì vi corse a·llui aitare, E quello Schifo molto s’assicura. Idio e tutti i santi ciascun giura Ched elle ‘l mi faranno comperare: Allor ciascun mi cominciò a buttare; Molto mi fecer dispett’e ladura; E disson ch’i’ avea troppo fallato, Po’ che Bellacoglienza […]

CCIII L’Amante e lo Schifo

Quand’i’ udì’ l’oferta che facea, Del fatto mi’ credett’esser certano: Allor sì volli al fior porre la mano, Che molto ringrossato mi parea. Lo Schifo sopra me forte correa Dicendo: “Trât’adietro, mal villano; Che·sse m’aiuti Idio e san Germano, I’ non son or quel ch’i’ esser solea. El diavol sì ti ci à or ramenato: […]

CCII L’Amante e Bellacoglienza

I’ le dissi: “Madonna, grazie rendo A voi, quando prender le degnaste, Che tanto forte me ne consolaste Ch’a pena mai maggior gioia atendo; E s’i’ l’ò mai, da voi aver la ‘ntendo; Sì ch’a me piace se ciò che pigliaste O la persona mia ancora ingaggiaste O la vendeste: mai non vi contendo”. Quella […]

CCI L’Amante e Bellacoglienza

Com’i’ v’ò detto, a tutto lor podere Lo Dio d’Amor e la sua baronia Presti eran tutti a far senn’e follia Per acompiérmi tutto ‘l mio volere. Allor pensai s’i’ potesse vedere Dolze-Riguardo per cosa che sia: Inmantenente Amor a me lo ‘nvia, Di che mi fece molto gran piacere. E que’ sì mi mostrò […]

CC L’Amante

La Vecchia atanto da me si diparte, E ‘l camin ebbe tosto passeggiato; E quand’i fui un poco dimorato, Verso ‘l giardin n’andai da l’altra parte, Pregando Idio che mi conduca ‘n parte Ch’i’ de mia malatia fosse sanato. Aperto l’uscio sì ebbi trovato; Ver è ch’era socchiuso tutto ad arte. Con molto gran paura […]

CXCIX La Vecchia

La Vecchia disse allor: “Amico mio, Queste son le novelle ch’i’ t’aporto: Bellacoglienza salute e conforto Te manda, se m’aiuti l’alto Dio; Sì ch’i’ ti dico ben ched i’ cred’io Che·lla tua nave ariverà a tal porto Che·ttu sì coglierai il fior dell’orto”. (Questo motto fu quel che mi guerìo). “Or te dirò, amico, che […]

CXCVIII L’Amante e la Vecchia

Allor sì fecer fine al parlamento. La Vecchia se ne venne al mi’ ostello, E disse: “Avrò io sorcotto e mantello Sed i’ t’aporto alcun buon argomento Che ti trarrà di questo tuo tormento?”. I’ dissi: “Sì, d’un verde fino e bello; Ma, sì sacciate, non fia san’ pennello Di grigio, con ogn’altro guernimento”. D’Amico […]

CXCVII La Vecchia e Bellacoglienza

La Vecchia sì la va rasicurando, E dice: “Sopra me lascia la cura Di questo fatto; non aver paura, Chéd io il saprò ben andar celando. E gisse Gelosia tuttor cercando Qua entro, sì seria grande sciagura S’ella ‘l trovasse, ma i’ son sicura Che poco le varria su’ gir sognando”. “Dunque potete voi farlo […]

CXCVI Bellacoglienza

“Del bel valetto che vo’ mi parlate, In cui tanta vertute è riposata, Sed e’ la s’à, per me gli sia chitata: S’i’ l’amo, i’ l’amerò come mi’ frate. Ma, per le gioie ch’e’ m’à presentate, La mia veduta no·gli fia vietata; Ma venga il più che puote a la celata, E sed e’ piace […]