La vita nuova – XXXVII

Io venni a tanto per la vista di questa donna, che li miei occhi si cominciaro a dilettare troppo di vederla; onde molte volte me ne crucciava nel mio cuore, ed avèamene per vile assai. Onde più volte bestemmiava la vanitade de li occhi miei, e dicea loro nel mio pensero: "Or voi solavate fare piangere chi vedea la vostra dolorosa condizione, ed ora pare che vogliate dimenticarlo per questa donna che vi mira; che non mira voi, se non in quanto le pesa de la gloriosa donna di cui piangere solete; ma quanto potete fate, ché io la vi pur rimembrerò molto spesso, maladetti occhi, ché mai, se non dopo la morte, non dovrebbero le vostre lagrime avere restate". E quando così avea detto fra me medesimo a li miei occhi, e li sospiri m’assalivano grandissimi e angosciosi. E acciò che questa battaglia che io avea meco non rimanesse saputa pur dal misero che la sentia, propuosi di fare un sonetto, e di comprendere in ello questa orribile condizione. E dissi questo sonetto, lo quale comincia: "L’amaro lagrimar". Ed hae due parti: ne la prima, parlo a li occhi miei sì come parlava lo mio cuore in me medesimo; ne la seconda, rimuovo alcuna dubitazione, manifestando chi è che così parla; e comincia questa parte quivi: "Così dice". Potrebbe bene ancora ricevere più divisioni, ma sariano indarno, però che è manifesto per la precedente ragione.

 "L’amaro lagrimar che voi faceste,

 oi occhi miei, così lunga stagione,

 facea lagrimar l’altre persone

 de la pietate, come voi vedeste.

 Ora mi par che voi l’obliereste,

 s’io fosse dal mio lato sì fellone

 ch’i’ non ven disturbasse ogne cagione,

 membrandovi colei cui voi piangeste.

 La vostra vanità mi fa pensare,

 e spavèntami sì, ch’io temo forte

 del viso d’una donna che vi mira.

 Voi non dovreste mai, se non per morte,

 la vostra donna, ch’è morta, obliare".

 Così dice ‘l meo core, e poi sospira.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.